Donna morta al San Maurizio, 400 mila euro ai familiari
Giovedì, 20 Giugno 2019 08:43
Il dramma della donna indiana di 62 anni, deceduta il 15 dicembre di cinque anni fa per cause ancora da chiarire e vittima di uno scambio di provette all'ospedale di Bolzano, è ancora al centro di un procedimento penale per presunte responsabilità colpose sul fronte sanitario. Ieri nel corso di una udienza interlocutoria, è stato confermato che i famigliari della vittima hanno ottenuto, grazie all'intervento delle assicurazioni, un risarcimento di 400 mila euro. Il primo effetto concreto dell'accordo risarcitorio è che la parte civile si ritirerà dal processo. Al termine dell'inchiesta penale sulla vicenda, la Procura della Repubblica ha chiesto il rinvio a giudizio di cinque medici dell'ospedale San Maurizio di Bolzano. Avanza l'ipotesi della setticemia non individuata in tempo dai medici, ma i periti ieri hanno chiesto altre settimane per arrivare a indicazioni certe.
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.