Finanza locale: 37 milioni di euro in più per i Comuni altoatesini

La Giunta provinciale di Bolzano ha dato il via libera alla firma di un accordo aggiuntivo sulla finanza locale.

Saranno messi a disposizione dei Comuni dell'Alto Adige fondi aggiuntivi per un totale di 17 milioni di euro per coprire le spese correnti, oltre a fornire fondi per le spese aggiuntive per il personale. Questo è il risultato della firma del primo accordo stralcio per il rinnovo del contratto collettivo intercompartimentale per il triennio 2022-24. Per le spese aggiuntive per il personale i Comuni avranno a disposizione 10 milioni di euro per il 2024 e altri 10 milioni di euro per il 2025.

Intesa con Rfi per il Treno dell'Avisio
Trento-Canazei in treno sarà forse possibile.

La fattibilità tecnico economica di un nuovo collegamento ferroviario con le valli di Cembra, Fiemme e Fassa, il cosiddetto "Treno dell'Avisio", sarà al centro dello studio che verrà svolto da Rfi (Rete ferroviaria italiana) in collaborazione con la Provincia autonoma di Trento. Una risposta a precise domande e proposte emerse dai territori, ad iniziare dall'associazione Transdolomites, che voglio il collegamento.

L'incarico a RFI prevede la predisposizione di un documento di fattibilità per il collegamento ferroviario che unisca il capoluogo provinciale con le valli di Cembra, Fiemme e Fassa, con l'individuazione del tracciato più idoneo e del modello di esercizio, assieme alle linee guida progettuali e all'impegno economico.
Grandi carnivori in Trentino: presentato il Rapporto 2023
Presentato il Rapporto grandi carnivori 2023, il documento tecnico-divulgativo curato dal settore di competenza del Servizio faunistico della Provincia autonoma di Trento.

Sono 98 gli esemplari di orso bruno con più di un anno di età stimati in Trentino nel corso del 2023. Un dato, che esclude i 22 plantigradi delle tredici cucciolate avvistate lo scorso anno, e che denota un trend ancora in crescita della popolazione di orsi sul territorio provinciale.
Sono otto gli esemplari di cui è stata accertata la morte, dei quali due uccisi da altri orsi, uno per cause non accertabili e cinque per cause non ancora note. A questi va aggiunto un ulteriore soggetto (M65) morto a causa di un investimento in Tirolo.


La presenza del lupo in Trentino nel corso del 2023 appare invece sostanzialmente stabile rispetto all'anno precedente, con una stima di 27 branchi per un totale di circa 150 esemplari, a cui se ne aggiungono alcuni solitari.
Si riduce il territorio privo di branchi accertati, nel sud-ovest della provincia.
Nel corso del 2023 è stata registrata la morte di 14 lupi (cinque maschi e nove femmine). Le morti sono da ricondurre in undici casi a investimenti stradali o ferroviari, in due casi a bracconaggio, in un caso a cause naturali.

Sono in aumento le segnalazioni di esemplari di sciacallo dorato, distribuite su gran parte del territorio provinciale (i nuclei riproduttivi accertati rimangono quelli del Lomaso e della Val di Stava).
Grandi Carnivori: in Trentino arriva il Tavolo
Atteso da tempo per garantire la condivisione delle informazioni e la messa a punto delle strategie per il miglioramento della coesistenza fra uomo, orso e lupo, è stato istituito ufficialmente oggi, dalla giunta provinciale di Trento, il “Tavolo grandi carnivori”.

Avrà il ruolo di organo consultivo e potrà avvalersi della figura di un “facilitatore” per fare sintesi tra le istanze delle diverse realtà coinvolte.
In base agli argomenti posti all'ordine del giorno, alle riunioni del Tavolo potranno essere invitati esperti o ulteriori soggetti e dirigenti delle strutture provinciali competenti.
Fanno parte del Tavolo grandi carnivori : 4 rappresentanti degli enti locali il cui territorio è interessato dalla presenza degli orsi; un rappresentate del Parco naturale Adamello Brenta; un rappresentante delle associazioni ambientaliste e animaliste; un rappresentante dei cacciatori; un rappresentante del settore agricolo; un rappresentante del comparto turistico designato dal Coordinamento provinciale imprenditori e
 un rappresentante delle Aziende per il Turismo designato dal Consorzio delle APT del Trentino.
Per la trattazione di argomenti inerenti il lupo il Tavolo sarà integrato con due ulteriori rappresentanti designati dal Consiglio delle autonomie locali e un rappresentante del Parco naturale Paneveggio - Pale di San Martino.
Economia: in Alto Adige cala l'occupazione
Dal rapporto di maggio dell'Ire, l'Istituto di ricerca economica della Camera di commercio Bolzano, emerge un Alto Adige in cui è leggermente calata l'occupazione ed anche i prezzi (seppur di poco).
Nel quarto trimestre 2023, tra ottobre e dicembre, il numero di occupati in Alto Adige si è attestato mediamente a circa 259.000 unità, mentre le persone in cerca di lavoro erano circa 5.400.
Rispetto allo stesso trimestre del 2022 è diminuito sia il numero di occupati (-1,0%), sia il numero di persone in cerca di lavoro (-19,3%). Il tasso di disoccupazione è pari al 2,0%.

Sono cresciuti il numero delle imprese iscritte alla Camera di Commercio, l'export e il turismo.
Nel quarto trimestre del 2023 sono state esportate merci dall'Alto Adige per un valore complessivo pari a circa 1,9 miliardi di euro (+8,1% rispetto allo stesso periodo del 2022).
A febbraio 2024 le presenze turistiche in Alto Adige sono state oltre 3,4 milioni, con un aumento del 7,2% rispetto a febbraio 2023. L'incremento riguarda soprattutto le presenze di ospiti provenienti da Paesi esteri diversi dalla Germania, cresciute del 12,2%.
Rimesse estere dall’Alto Adige: +217% in 10 anni
Economia dell'Alto Adige: l’Istituto provinciale di statistica della provincia di Bolzano l'ASTAT ha diffuso i dati di uno studio sui flussi di denaro che le persone straniere inviano nei propri paesi d’origine. Secondo i dati di Banca d’Italia, nel 2022 l’ammontare delle rimesse inviate tramite i canali formali è stato di 89 milioni di euro, pari allo 0,31% del PIL. Tra il 2012 e il 2022 le rimesse estere degli immigrati in Alto Adige sono aumentate del 217,2%. I principali paesi beneficiari delle rimesse dall’Alto Adige sono quelli asiatici: il 47,7% dei flussi finanziari verso Pakistan, Bangladesh e India.
Lavoro: in Trentino nel 2022 occupazione a +2,5%
Segnali di ripresa dal mercato del lavoro in Trentino nel 2022, con un andamento positivo delle forze di lavoro (+1,4% rispetto al 2021) e dell'occupazione (+2,5%), che si è accompagnato da una diminuzione della disoccupazione (-20%) e degli inattivi in età lavorativa (-5,8%).

Il dato emerge dal rapporto "Le caratteristiche del mercato del lavoro in Trentino. Anno 2022" pubblicato dall'Istituto di statistica della provincia di Trento (Ispat). Nel 2022 in Trentino il numero degli occupati ha superato le 243.000 unità, soprattutto grazie ai lavoratori indipendenti (+3,2%), che hanno sfiorato le 46.000 unità

Il tasso di occupazione nel 2022 era al 69,5% (75,4% per gli uomini, 63,5% per le donne), mentre sono calati il tasso di disoccupazione (-1%) e il tasso di inattività (-1,6%).
Riaperta a Bolzano la struttura ASSB di viale Druso
Dopo oltre 4 anni di lavori è stata riaperta oggi a Bolzano la struttura dell'Azienda Servizi Sociali di Bolzano di viale Druso, che di giorno dà lavoro a 30 persone e ne ospita 12 negli alloggi. La ristrutturazione dell'edificio è stata finanziata dal Comune con 500.000 euro: un progetto che consente di offrire spazi pensati per le esigenze delle persone con disabilità, ma soprattutto un luogo dove incontrarsi, lavorare e abitare in serenità.
Al primo piano è situata la Comunità-alloggio "Mendola", un servizio residenziale rivolto a cinque utenti con disabilità medio/lievi che vivono e sono supportate da un'assistenza continuativa. Al secondo piano si trova la Comunità-Alloggio "La Prospettiva", servizio abitativo con assistenza non continuativa, rivolta a sette ospiti con buone autonomie gestionali. Ci sono poi anche diversi servizi diurni di occupazione e riabilitazione socio- lavorativa: servizio "Menhir", dove vengono inseriti giovani provenienti dal Circuito Scolastico obbligatorio, e il "Windrose", servizio di riabilitazione socio - lavorativa per persone con malattia psichica
Nel 2026 in Trentino il data center nella montagna
Via libera al progetto che prevede la costruzione in Val di Non di un data center di ultima generazione, da ricavare all'interno della miniera attiva dell'azienda Tassullo.
Trentino DataMine srl ha ottenuto dalla Conferenza di servizi decisoria provinciale le autorizzazioni e i pareri necessari per procedere

Si tratta di una nuova struttura immersa in centinaia di metri di roccia che rappresenterà un unicum a livello mondiale.
Il progetto è finanziato dal Pnrr con un investimento totale di 50,2 milioni di euro, di cui 18,4 milioni finanziati da fondi pubblici e 31,8 da risorse private. Il data center sarà realizzato da un consorzio che comprende Università di Trento, Covi costruzioni, Dedagroup, Gpi e Isa. In questo momento è già in fase di realizzazione lo scavo che ospiterà l'infrastruttura, mentre i lavori fuori terra inizieranno a giugno. L'avvio dell'attività del data center è previsto per gennaio 2026, con la possibilità da parte dei primi utenti di avviare la prima fase test già nel corso del 2025.
Politica trentina in lutto per la scomparsa di Alberto Robol
Mondo della politica in lutto, è morto oggi a 79 anni, il senatore Alberto Robol.
Nato a Riva del Garda il 18 maggio 1945, si era laureato in filosofia all’università di Bologna ed è stato ordinario di filosofia e storia nei licei, classico scientifici del capoluogo. Poi una lunga e importante attività politica:
Iscritto alla Democrazia Cristiana fin dagli anni giovanili è stato consigliere regionale per la Provincia Autonoma di Trento nella legislatura 1988-1993, Senatore della Repubblica per 3 legislature dal 1991 al 2001.
Dal 1998 al 2001 è vicepresidente della delegazione italiana all’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa di Strasburgo, membro dell’Unione Europea Occidentale.
Dal 2003 al 2020 è stato Reggente della Fondazione Opera Campana dei Caduti.
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.